Terra del cielo. Notturni mariani

Tre sere di agosto, cinque luoghi della città, dove Maria è raccontata o celebrata, aperti, altrettanti momenti artistici e di raccoglimento. Sono questi gli ingredienti dell’iniziativa Terra del cielo – Notturni mariani promossa dalle comunità parrocchiali del Centro storico di Padova, dal Museo diocesano e dal Centro universitario di Padova.

Una proposta “estiva” che segue la felice esperienza della notte delle chiese aperte dello scorso giugno e che intende offrire a pubblico e fedeli la possibilità di cogliere il valore simbolico di alcuni spazi sacri e di altrettante opere artistiche ma anche dare sostanza al contenuto evangelico e spirituale dell’arte e degli ambienti.

E Maria, la cui solennità dell’Assunzione si celebra proprio in agosto, è protagonista dei Notturni mariani dal titolo Terra del cielo, suggerito dall’omonimo canto della comunità di Bose.

Ed ecco il programma.

Si inizia lunedì 12 agosto, alla chiesa di Santa Maria dei Servi, in via Roma, alle ore 21, don Paolo Bicciato, animatore di catechesi biblica, guiderà una visita alla chiesa e alle sue preziose opere d’arte, seguirà, alle ore 22 un momento di raccoglimento musicale con Giammaria Fantato all’organo.

Sempre lunedì 12 agosto, alle ore 21, alla chiesa della Madonna Addolorata al Torresino, in via Del seminario, Andrea Nante, direttore del Museo diocesano, guiderà la visita alla chiesa e alle sue opere e alle ore 22 ci sarà un momento musicale con Giovanna Gomiero all’organo.

Martedì 13 agosto un’altra doppia possibilità per il pubblico, sempre alle ore 21 si potrà visitare la Scoletta del Carmine (annessa alla Basilica del Carmine, in piazza Petrarca), accompagnati dal parroco don Alberto Peloso oppure la Scuola della Carità (in via San Francesco), accompagnati da Antonella Meneghin del Centro universitario. Dopo la visita a entrambi i siti ci sarà un momento musicale e artistico: alla Scoletta del Carmine si esibirà il Sol Ensemble, mentre alla Scuola della Carità Aram Ipekdjian suonerà un antico strumento armeno, il duduk.

La terza e ultima serata dei Notturni mariani è in programma mercoledì 14 agosto in basilica Cattedrale, dedicata a Santa Maria Assunta, in piazza Duomo. A far da guida, alle ore 21, ci sarà l’arciprete mons. Maurizio Brassone alle ore 22 musica vocale con il duo D’Altro Canto.

Ogni appuntamento si concluderà con un momento di preghiera mariana alle 22.30.

Tutte le visite sono gratuità ma è richiesta la prenotazione su eventbrite/terradelcielo

Per informazioni: 049 8764688.

L’articolo Terra del cielo. Notturni mariani sembra essere il primo su Chiesa di Padova.

Mediterraneo Requiem

Arriva anche nel territorio della Diocesi di Padova grazie all’impegno e alla collaborazione tra il Vicariato di Monselice e il Comitato nazionale delle Fondazioni lirico-sinfoniche, MEDITERRANEO REQUIEM, un concerto-spettacolo che vede la partecipazione, a titolo completamente gratuito, di una sessantina di artisti provenienti dai più prestigiosi teatri d’Italia per offrire al pubblico un momento di riflessione e di meditazione sulla tragedia dei migranti che quotidianamente muoiono nei nostri mari. Mediterraneo Requiem è, infatti, dedicato alla memoria delle vittime del mare.

Mediterraneo Requiem,che è già stato rappresentato con ampia partecipazione a Roma, Torino, Verona e in altre città italiane, propone il Requiem in re minore op. 48 di Gabriel Urbain Fauré per soli, coro e pianoforte, accompagnato dalla lettura di alcuni testi provenienti da diverse culture. E nasce da un desiderio comune di numerosi artisti delle Fondazioni lirico-sinfoniche e dei Teatri di tradizione di tutta Italia, convinti che «Musica e cultura non possono e non devono restare fuori dalla realtà». Il Comitato nazionale della Fondazioni lirico-sinfoniche comprende artisti dei teatri: Regio di Torino, Carlo Felice di Genova, Scala di Milano, Arena di Verona, Fenice di Venezia, Verdi di Trieste, Maggio Fiorentino Musicale, Comunale di Bologna, Lirico di Cagliari, Opera di Roma, San Carlo di Napoli, Petruzzelli di Bari, Massimo di Palermo, Bellini di Catania.

L’appuntamento è per lunedì 29 luglio alle ore 21, nel Duomo Vecchio (Pieve di Santa Giustina) di Monselice (Pd) e a nome del vescovo di Padova, mons. Claudio Cipolla, sarà presente e porterà un messaggio il vicario episcopale per i rapporti con il territorio don Marco Cagol.

Il vescovo di Padova, infatti, impossibilitato a partecipare perché impegnato fuori città, plaude, apprezza e sostiene questa proposta sia per la disponibilità di artisti di tutta Italia in un progetto di sensibilizzazione così qualificato e dal profondo risvolto meditativo, sia per l’impegno della rete solidale del Vicariato di Monselice nella costante opera di sensibilizzazione e di attenzione alle persone migranti e alle grandi tragedie che accompagnano la loro ricerca di pace e libertà.

Solo pochi giorni fa, il vescovo Cipolla, in occasione della Festa di San Benedetto (11 luglio), patrono d’Europa, aveva sollecitato le comunità parrocchiali della Chiesa di Padova «ad aprire nuove frontiere per gestire la complessità» del tempo presente e guardava con prospettiva all’incontro del prossimo febbraio “Mediterraneo frontiera di pace” che vedrà coinvolte a Bari le Chiese che si affacciano sul mare che tante tragedie sta registrando. Invitava inoltre le comunità e la Chiesa di Padova a offrire il proprio «contributo a sostegno dei vari popoli e per rinnovare lo sviluppo sociale, a trasformare gli assetti di ingiustizia e inequità e a promuovere un’azione di pace comune».

L’esecuzione del Requiem Op. 48 per soli, coro e pianoforte di Gabriel Urbain Fauré, con la direzione di Ambrogio De Palma, Cristiano Zanellato al pianoforte e la partecipazione solistica della soprano Rosanna Lo Greco e del baritono Gianfranco Montrésor, sarà preceduta da alcune letture provenienti da diverse culture interpretate dall’attrice Francesca Veneri, scelte e assemblate a cura di Davide Livermore (il regista che ha aperto la stagione della Scala lo scorso dicembre).

«Proponendo un Requiem per i morti nel Mediterraneo – sottolinea il regista Livermoreandiamo agli albori del canto perché, la prima volta che un essere umano ha cantato, lo ha fatto per aiutare un’anima a passare dal regno dei vivi a quello dei morti».

Il fine di dare risalto alla consolazione e al riposo eterno è alla base della pagina musicale di Fauré, che scrisse il Requiem nella sua prima stesura tra il 1886 e il 1887. Il sentimento di abbandono domina le sette parti che lo compongono, rinunciando a qualunque forma di impeto al punto di scegliere di non musicare il Dies Irae, protagonista assoluto in altri compositori.

L’ingresso è gratuito. I contributi raccolti saranno devoluti a sostegno di progetti per l’integrazione di rifugiati, a cura della Rete Solidale Vicariale.

L’articolo Mediterraneo Requiem sembra essere il primo su Chiesa di Padova.

San Leopoldo. Lunedì 29, alle 21, celebrazione del transito del santo di Castelnuovo di Cattaro. «Volle confessare fino all’ultimo giorno»

In occasione dell’anniversario della morte di padre Leopoldo Mandic, lunedì 29, sera della vigilia, alle 21 nel santuario, la figura del santo e i suoi ultimi momenti di vita saranno ricordati con la celebrazione del transito.

 

L’articolo San Leopoldo. Lunedì 29, alle 21, celebrazione del transito del santo di Castelnuovo di Cattaro. «Volle confessare fino all’ultimo giorno» sembra essere il primo su Chiesa di Padova.

Circoli Noi. Grest a Monselice. Bella esperienza di condivisione

Monselice. Anche quest’anno si è svolto, con successo, l’incontro interparrocchiale dei grest.
Coinvolti bambini, ragazzi ed educatori del Duomo, Redentore e San Giacomo.

Leggi il servizio della Difesa del popolo

 

L’articolo Circoli Noi. Grest a Monselice. Bella esperienza di condivisione sembra essere il primo su Chiesa di Padova.

Fondo di solidarietà: è tempo di revisione

La scadenza è il 31 luglio. Dopo tale data non sarà più possibile presentare manifestazioni di interesse per finanziare progetti nell’anno 2019 con il Fondo straordinario di solidarietà per il lavoro, promosso da Fondazione Cassa di Risparmio di Padova e Rovigo, Province di Padova e Rovigo, Diocesi di Padova, Adria-Rovigo e Chioggia e Camera di commercio di Padova.

Leggi il servizio della Difesa del popolo

 

L’articolo Fondo di solidarietà: è tempo di revisione sembra essere il primo su Chiesa di Padova.

Borso e Crespano del Grappa. In partenza tirocini, con il Fondo, per intervenire dopo la tempesta Vaia

Piccoli successi per un sistema, ma grandi svolte per persone e famiglie. A Borso e Crespano del Grappa il Fondo di solidarietà si è concretizzato in un cambiamento di paradigma: dai contributi a fondo perduto ai progetti generativi in cui la persona aiutata, grazie al lavoro è in grado di camminare con le sue gambe.

Leggi il servizio della Difesa del popolo

 

L’articolo Borso e Crespano del Grappa. In partenza tirocini, con il Fondo, per intervenire dopo la tempesta Vaia sembra essere il primo su Chiesa di Padova.

L’annuncio in barca. In missione lungo il rio Branco, in Amazzonia: parlano i fidei donum padovani

Non vedevano un prete cattolico da cinque anni gli indios Waimiri Atroari di Xixau. Né don Benedetto Zampieri si era mai spinto così lontano. La grande sfida è creare una relazione stabile, «eppure visitare le singole case, leggere la Parola di Dio, spalanca sempre i cuori».

Leggi il servizio della Difesa del popolo

 

L’articolo L’annuncio in barca. In missione lungo il rio Branco, in Amazzonia: parlano i fidei donum padovani sembra essere il primo su Chiesa di Padova.

Case vacanze diocesane. Spirito e corpo si ritemprano, immersi nel Creato

Case vacanze diocesane. Buone le presenze, e variegate (famiglie, gruppi, anziani, giovani…), nella casa Scoiattolo di Asiago e al Park des Dolomites di Borca di Cadore. Servizi e proposte perché gli ospiti possano vivere momenti di serenità e ristoro.

Leggi il servizio della Difesa del popolo

 

L’articolo Case vacanze diocesane. Spirito e corpo si ritemprano, immersi nel Creato sembra essere il primo su Chiesa di Padova.

Nomine 2019/06

  1. Don Marco Galante – amministratore parrocchiale di San Giacomo di Monselice e cappellano dell’Ospedale Madre Teresa di Calcutta di Schiavonia – è nominato anche amministratore parrocchiale di Ca’ Oddo, Marendole e Schiavonia.
  2. Don Renzo Bagarolo – finora amministratore parrocchiale di Vanzo – è nominato collaboratore di San Giacomo, Ca’ Oddo, Marendole e Schiavonia, mantenendo anche l’incarico di collaboratore nell’Ospedale Madre Teresa di Calcutta.
  3. Don Matteo Fornasiero – parroco di Pernumia – è nominato anche parroco di Vanzo.
  4. Don Roberto Pressato – finora parroco in solido a Pilastro d’Este e Rivadolmo – è nominato collaboratore di Pernumia e Vanzo.
  5. Don Federico Camporese – parroco di Cristo Risorto in Padova – è nominato anche parroco di Mortise in Padova.
  6. Don Lodovico Casaro – finora parroco di Arsego – è nominato collaboratore di Mortise e Cristo Risorto in Padova.
  7. Don Gabriele Benvegnù – finora vicario parrocchiale al Duomo di Thiene – è nominato vicario parrocchiale di Segusino, Vas e Caorera, nell’UP della Conca del Piave, con residenza a Quero.

L’articolo Nomine 2019/06 sembra essere il primo su Chiesa di Padova.