Il “Barbarigo” in udienza dal santo padre Francesco

Oltre 1300 persone hanno vissuto, stamane sabato 23 marzo, un’esperienza intensa ed emozionante:  l’udienza particolare concessa da Papa Francesco per i cento anni dell’Istituto vescovile Barbarigo. Momento apice del calendario di appuntamenti del Centenario che si compirà con la celebrazione in Cattedrale a Padova, presieduta dal vescovo Claudio, sabato 11 maggio 2019.

In Aula Paolo VI in attesa dell’arrivo del Santo Padre c’è stato un momento di preparazione accompagnato dall’Ensemble d’Arpe Floriana e dalle testimonianza di quattro ex allievi del Barbarigo, che hanno raccontato come l’esperienza educativa e umana vissuta nella scuola diocesana ha segnato la loro vita. “Barbarigo: un’impronta che lascia il segno” era infatti il leit motiv della mattinata.

Hanno ricordato tratti del loro percorso l’onorevole e campione olimpico Marco Marin, il diplomatico e già Ambasciatore per l’Italia nel Regno di Norvegia Giorgio Novello, la fondatrice del brand O’Jour Giorgia Caovilla e don Vito Antonio Di Rienzo, prete della Diocesi di Padova dal 2012.

Tra i partecipanti a questa udienza anche autorità civili (il presidente della Provincia Fabio Bui, gli assessori del Comune di Padova Cristina Piva e Francesca Benciolini), e rappresentanti del mondo della scuola cattolica: dal presidente dell’Ufficio nazionale per l’Educazione e la Scuola Ernesto Diaco, alle presidenti nazionale (Virginia Kaladich) e regionale (Chiara Cavaliere) della FIDAE, Federazione istituti attività educative.

Durante l’udienza con il Santo Padre, tre studenti del Barbarigo (Sofia Casalini, Aldo Carraro e Giovanni Grigolin) hanno posto a Papa Francesco alcune domande inerenti: l’importanza di essere accompagnati nella crescita, la fatica di credere, la capacità di cogliere la propria vocazione nella vita.

A questo link si può seguire l’intera udienza, con il discorso del vescovo Claudio Cipolla e le parole del Santo Padre in risposta ai giovani:http://w2.vatican.va/content/francesco/it/events/event.dir.html/content/vaticanevents/it/2019/3/23/istituto-barbarigo.html

 

In allegato alcune foto di Radames Fiorotto

fonte: ufficio stampa della diocesi di Padova

















L’articolo Il “Barbarigo” in udienza dal santo padre Francesco sembra essere il primo su Chiesa di Padova.

Il denaro usato responsabilmente. Banca Etica compie vent’anni

L’8 marzo 1999 apre in piazzetta Forzatè a Padova la prima filiale di Banca Etica. Un’inaugurazione arrivata dopo oltre quattro anni di lavoro collettivo di tanti volontari, cooperatori, pacifisti, ecologisti uniti dal sogno di aprire una banca diversa, alternativa e capace di rispondere alla domanda: “dove e per cosa posso investire i miei soldi?”. I numeri: 17 filiali in Italia, una a Bilbao in Spagna e uffici a Madrid e Barcellona, 283 dipendenti, 42.500 soci, 70 milioni di euro di capitale sociale, impieghi per 916 milioni, raccolta di risparmio per un miliardo e mezzo.

Leggi il servizio della Difesa del popolo

 

L’articolo Il denaro usato responsabilmente. Banca Etica compie vent’anni sembra essere il primo su Chiesa di Padova.

Daria Minucci. Una vita al fianco della salute delle donne

Parla la professoressa Daria Minucci, un medico e una studiosa che in una lunga carriera ha combattuto tante battaglie per la salute delle donne. Tra i programmi che hanno lasciato il segno, e salvato molte vite, Progetto Donna.

Leggi il servizio della Difesa del popolo

 

L’articolo Daria Minucci. Una vita al fianco della salute delle donne sembra essere il primo su Chiesa di Padova.

Martedì 26 marzo. Il prezioso crocefisso svelato di Legnaro

Martedì 26 marzo alle 21 nella chiesa parrocchiale di San Biagio a Legnaro, il direttore del museo diocesano di Padova Andrea Nante e il restauratore veneziano Roberto bergamaschi sveleranno i particolari del prezioso crocifisso policromo quattrocentesco restaurato nel corso del 2018. Di provenienza ignota, l’opera (170 per 170 centimetri) è stata ricavata da un unico tronco di tiglio.

Leggi il servizio della Difesa del popolo

 

L’articolo Martedì 26 marzo. Il prezioso crocefisso svelato di Legnaro sembra essere il primo su Chiesa di Padova.

Incontri sul decreto sicurezza. Obiettivo: fare chiarezza. Invitati gli stranieri

Per fare chiarezza e per rispondere a tanti dubbi di cittadini stranieri, ma anche di associazioni, comunità e Caritas sono in programma tre incontri su “Percorsi di conoscenza del Decreto sicurezza”. I prossimi il 28 marzo a Monselice e il 4 aprile a Padova.

Leggi il servizio della Difesa del popolo

 

L’articolo Incontri sul decreto sicurezza. Obiettivo: fare chiarezza. Invitati gli stranieri sembra essere il primo su Chiesa di Padova.

Mons. Antonio Menegazzo, vescovo comboniano, oriundo padovano è tornato al Padre

Mons. Antonio Menegazzo, originario di Cittadella, dove era nato il 13 settembre 1931, comboniano, già amministratore apostolico a El Obeid in Sudan, è mancato la scorsa notte (20 marzo) all’ospedale di Cittadella. Negli ultimi anni risiedeva infatti al convento San Francesco di Cittadella. Ringraziamo il Signore per la sua vita spesa al servizio della Chiesa e della missione.

Le esequie si terranno lunedì 25 marzo alle ore 15.30 nel Duomo di Cittadella, presiedute dal vescovo di Padova, mons. Claudio Cipolla. Sabato 23 marzo alle 19 nel convento dei frati minori di Cittadella e domenica 24  nella chiesa di Pozzetto si pregherà il rosario.


Cittadella, 13.09.1931 – 20.03.2019 

Mons. Menegazzo era nato a Cittadella (attuale parrocchia del Pozzetto) il 13 settembre 1931. Aveva emesso i voti perpetui nell’Istituto Comboniano il 9 settembre 1956 e l’anno successivo, il 15 giugno 1957, era giunta l’ordinazione presbiterale. Da novizio e poi da scolastico, aveva dimorato nelle case comboniane di Firenze, Rebbio, Verona, Troia, Crema e Venegono.

Diventato prete, venne inviato a Kâdûqlî, nello Stato sudanese del Kordofan meridionale e vi rimase fino al 1963, quando fu inviato come parroco a El Fashir, capitale del Darfur settentrionale (1963-1967) e quindi a El Nahud, nel deserto del Sudan centrale (1967-1972). Dal 1972 al 1976 fu parroco di Port Sudan, sulle rive del Mar Rosso. Dal 1976 al 1985 prestò servizio alla cattedrale di Khartoum. Dal 1986 al 1992 fu parroco di Kosti, sulla sponda ovest del Nilo Bianco. Successivamente fu a El Obeid (Al Ubayyid), principale città del Darfur, situata al limite settentrionale della pianura in cui scorre il Nilo Bianco e ne divenne nel 1995 Amministratore apostolico (l’ordinazione episcopale è del 3 marzo 1996), rimanendovi fino all’agosto 2010.

Concluso il servizio in Africa, si era ritirato a Cittadella, in un appartamento messo a disposizione dalla parrocchia, poi presso la chiesa del Carmine e infine ospite del Convento San Francesco, dei Frati Minori. La morte lo ha colto la sera del 20 marzo scorso all’Ospedale di Cittadella. Le esequie saranno celebrate dal vescovo Claudio nel Duomo di Cittadella, lunedì 25 marzo, alle 15.30. Alle esequie sarà presente il Generale dei Comboniani, padre Tesfaye Gebresilasie, il quale, domenica 24, celebrerà nella comunità comboniana di Padova gli 80 anni della chiesa di San Giuseppe.

L’articolo Mons. Antonio Menegazzo, vescovo comboniano, oriundo padovano è tornato al Padre sembra essere il primo su Chiesa di Padova.

In udienza da papa Francesco per il Centenario dell’Istituto vescovile Barbarigo

Il Centenario (1919-2019) dell’Istituto vescovile Barbarigo, scuola diocesana paritaria, sta per vivere il momento clou: sabato 23 marzo papa Francesco ha concesso un’udienza particolare per l’occasione.

«Questo incontro – sottolinea il rettore don Cesare Contarinisegna il momento più alto del nostro Centenario, in cui abbiamo scoperto tanto bene fiorito nella nostra scuola, persone che si sono spese per gli altri, ragazzi e ragazze che sono cresciuti e magari, conoscendosi sui banchi di scuola, hanno anche formato una bella famiglia, e abbiamo vissuto iniziative e progetti culturali, momenti d’incontro internazionali e progetti d’innovazione».

Da Padova arriveranno oltre 1300 persone: alunni, docenti, personale dell’Istituto, genitori e familiari, ex allievi e tante tante persone amiche del Barbarigo.

Un piccolo grande pellegrinaggio che sarà accompagnato dal vescovo di Padova mons. Claudio Cipolla e vedrà tra i partecipanti anche autorità civili (il presidente della Provincia Fabio Bui, gli assessori del Comune di Padova Cristina Piva e Francesca Benciolini), e rappresentanti del mondo della scuola cattolica: dal presidente dell’Ufficio nazionale per l’Educazione e la Scuola Ernesto Diaco, alle presidenti nazionale (Virginia Kaladich) e regionale (Chiara Cavaliere) della FIDAE, Federazione istituti attività educative.

E ancora rappresentanti degli organismi di comunione diocesani, preti, religiosi/e e laici. Tutti insieme per festeggiare “il Barbarigo” e per ascoltare le parole che il Santo Padre Francesco vorrà rivolgere.

L’udienza inizierà alle ore 11.30 e sarà trasmessa in diretta da TV 2000 e da Telepace e in streaming sul canale: http://www.comunicazione.va/content/spc/it/servizi/live.html

Prima dell’udienza, a partire dalle ore 10.30, in preparazione all’incontro con papa Francesco, ci saranno alcune testimonianze di ex allievi del Barbarigo, momenti musicali accompagnati dall’Ensemble d’Arpe Floriana e altri solisti e la preghiera guidata dal vescovo Claudio Cipolla.

Al termine dell’udienza, alle ore 13.30, il vescovo di Padova mons. Claudio Cipolla presiederà la messa in basilica di San Pietro all’altare della Cattedra.

Avviato nel settembre 2018, il Centenario del Barbarigo è stato segnato da una serie di appuntamenti: concerti, la presentazione del Libro del Centenario, la mostra “Cent’anni di gioventù. Un’impronta che lascia il segno”, visite guidate, ora l’udienza con papa Francesco. Il momento conclusivo sarà sabato 11 maggio 2019, con la messa presieduta dal vescovo Cipolla in Cattedrale a Padova e la festa finale al Barbarigo.

 

fonte: ufficio stampa della diocesi di Padova

L’articolo In udienza da papa Francesco per il Centenario dell’Istituto vescovile Barbarigo sembra essere il primo su Chiesa di Padova.

Vuoi diventare volontario del Festival Biblico a Padova?

I primi appuntamenti anteprima del Festival Biblico edizione padovana hanno preso il via proprio nei giorni scorsi con il doppio incontro con Enzo Bianchi (all’MPX e in Cattedrale il 19 marzo) e con il concorso fotografico per le scuole. Fra un mese e mezzo si entrerà nel vivo dei giorni “padovani” (10-12 maggio 2019) del Festival che, giunto alla sua 15a edizione, dal 2 al 26 maggio si svilupperà con un denso calendario di proposte nelle Diocesi di Vicenza, Verona, Padova, Rovigo, Vittorio Veneto.
Tema dell’edizione 2019 è POLIS.
Il Festival Biblico è un’occasione culturale, un’opportunità di incontro e anche una possibilità per fare esperienze o per mettere a disposizione tempo e competenze. Così in questi giorni la segreteria padovana sta raccogliendo le manifestazioni d’interesse per quanti desiderano essere “volontari” del Festival Biblico e aiutare così il sereno svolgimento delle iniziative che interesseranno Padova.
Chi desidera proporsi come volontario può:
·       scrivere a padova@festivalbiblico.it per ricevere la scheda di disponibilità
·       compilare direttamente il modulo all’indirizzo bit.ly/2FkagPv
·       partecipare all’incontro in programma mercoledì 27 marzo alle ore 18.30, nella sede del Centro universitario di Padova, in via Zabarella 82: prima convocazione dei volontari del Festival Biblico!
Informazioni su www.festivalbiblico.it
fonte: ufficio stampa della diocesi di Padova

L’articolo Vuoi diventare volontario del Festival Biblico a Padova? sembra essere il primo su Chiesa di Padova.

Il seminatore uscì a seminare (Mt 13,1-23): lectio di Enzo Bianchi in Cattedrale a Padova

È online il file audio della lectio divina che Enzo Bianchi, fondatore della Comunità di Bose, ha tenuto martedì 19 marzo in basilica Cattedrale a Padova.

 

L’articolo Il seminatore uscì a seminare (Mt 13,1-23): lectio di Enzo Bianchi in Cattedrale a Padova sembra essere il primo su Chiesa di Padova.

Tribano, Olmo e San Luca. L’umanità e la fraternità punti forti della Quaresima

Quaresima di impegno per le parrocchie di Tribano, Olmo e San Luca, dove, durante il tempo forte prima di Pasqua la comunità cristiana è invitata a vivere gli esercizi di Umanità e di Fraternità: i primi, tre lunedì rivolti a giovani e adulti, i secondi, tre venerdì ai quali sono invitati i componenti dei gruppi parrocchiali.

Leggi il servizio della Difesa del popolo

 

L’articolo Tribano, Olmo e San Luca. L’umanità e la fraternità punti forti della Quaresima sembra essere il primo su Chiesa di Padova.