I sensi protagonisti di “Questioni filosofiche”. Sabato 16 al via l’ottava edizione della rassegna in Centro Universitario

«I sensi ci aiutano a cogliere il reale e ugualmente a collocarci nel reale. Non a caso sant’Ignazio di Loyola ha fatto ricorso ai sensi nella contemplazione dei misteri di Cristo e della verità». Così si esprimeva papa Francesco il 21 dicembre 2017 nel suo discorso alla curia romana.

Leggi il servizio della Difesa del popolo

 

L’articolo I sensi protagonisti di “Questioni filosofiche”. Sabato 16 al via l’ottava edizione della rassegna in Centro Universitario sembra essere il primo su Chiesa di Padova.

Formazione vicariale a Villatora. Il vicariato di Legnaro e i sogni di Dio

«Il sogno di una chiesa “missionaria”» è il tema dell’incontro che si svolgerà il prossimo lunedì 11 novembre a partire dalle 20 nella parrocchia di Villatora. Gli incontri, programmati sempre di lunedì, riprenderanno il 27 gennaio con una riflessione su «Il sogno di una comunità “ministeriale”». Il 17 febbraio, gli appuntamenti si concluderanno parlando de «Il sogno del Regno di Dio».

Leggi il servizio della Difesa del popolo

 

L’articolo Formazione vicariale a Villatora. Il vicariato di Legnaro e i sogni di Dio sembra essere il primo su Chiesa di Padova.

Il vescovo Claudio in visita alla missione diocesana in Etiopia

Il vescovo di Padova, mons. Claudio Cipolla, dal 15 al 20 novembre, è in visita nella nuova missione diocesana nella prefettura di Robe, in Etiopia, dove lo scorso gennaio sono arrivati tre fidei donum: due sacerdoti diocesani – don Stefano Ferraretto e don Nicola De Guio – e una laica, Elisabetta Corà.

È la prima visita del vescovo Claudio in questa nuova missione diocesana (che si è aggiunta a quelle in Kenya, Ecuardor, Brasile e Thailandia). Ad accompagnare il vescovo c’è il direttore dell’Ufficio diocesano di Pastorale della Missione, don Raffaele Gobbi.

Durante questo viaggio il vescovo visiterà Kofale e Kokossa dove operano i tre missionari fidei donum e incontrerà padre Angelo Antolini, prefetto apostolico di Robe e don Giuseppe Ghirelli, fidei donum della Diocesi di Anagni-Alatri.

«Dopo circa dieci mesi della nostra presenza in Etiopia dove ci sono due nostri preti e una ragazza della nostra Diocesi – ha commentato il vescovo Cipolla a ridosso della partenza – finalmente riesco ad andare anch’io a vedere, a incoraggiare e anche a verificare quanto questa esperienza possa essere per noi occasione di crescita e di confronto, e quanto dobbiamo sostenerla. Al momento non abbiamo ancora un progetto preciso della nostra presenza e va fatto nascere dalla realtà che c’è lì e non dalle nostre esigenze. Inoltre vado molto volentieri perché per me è un ritornare in un ambiente che ho già conosciuto, quando ero a Mantova, e sono curioso di vedere l’evoluzione che c’è stato in questi ultimi 20 anni».

I missionari fidei donum della missione diocesana in Etiopia sono: don Stefano Ferraretto, originario di Ponso (Pd), classe 1983, prete dal 2008, prima della partenza assistente in Seminario Maggiore; don Nicola De Guio, originario di Mezzaselva di Roana, sull’Altopiano di Asiago (Vi), classe 1970, già missionario in Ecuador dal 2002 al 2013 e successivamente parroco moderatore dell’unità pastorale di Canove (Vi); Elisabetta Corà, una giovane 24enne di Asiago (Vi), laureata in teologia alla Facoltà teologica del Triveneto.

La Prefettura di Robe si trova nella grande regione dell’Oromia. La Prefettura comprende un territorio di 102.769 km2 con una popolazione complessiva di 3,3 milioni di abitanti. Le lingue fondamentali parlate sono l’oromo e il somalo. In quell’area una stima approssimativa indica di religione islamica il 97% della popolazione, mentre i fedeli ortodossi sono circa il 2,5%. La presenza della Chiesa cattolica è recente e si contano circa 1500 fedeli che rappresentano lo 0,05% della popolazione locale.

L’attività pastorale si orienta a prima evangelizzazione e dialogo interreligioso, pastorale rurale, promozione umana e attività di formazione e di istruzione scolastica (in quest’ultima prospettiva, l’Istituto Barbarigo, che sta vivendo l’anno del Centenario, ha avviato un progetto per sostenere la scuola di Dinsho, nei pressi del territorio della nuova missione diocesana).

fonte: ufficio stampa diocesano

L’articolo Il vescovo Claudio in visita alla missione diocesana in Etiopia sembra essere il primo su Chiesa di Padova.

16 novembre. Caritas parrocchiali in assemblea. E l’Avvento è alle porte…

16 novembre. All’Opsa di Sarmeola tradizionale appuntamento: tutti gli operatori sono chiamati a raccolta da Caritas diocesana sullo slogan #primagliultimi

Leggi il servizio della Difesa del popolo

 

L’articolo 16 novembre. Caritas parrocchiali in assemblea. E l’Avvento è alle porte… sembra essere il primo su Chiesa di Padova.

Visita del vescovo Claudio in sinagoga a Padova. Insieme, per un obiettivo comune

Visita del vescovo alla comunità ebraica. Dopo 25 anni dalla prima visita del suo precedessore, don Claudio si è recato nella sinagoga di Padova. Qui, in clima di fraternità e amicizia, insieme al rabbino Adolfo Locci ha ribadito il desiderio di camminare fianco a fianco.

Leggi il servizio della Difesa del popolo

 

L’articolo Visita del vescovo Claudio in sinagoga a Padova. Insieme, per un obiettivo comune sembra essere il primo su Chiesa di Padova.

Il vescovo agli universitari: la libertà si deve sposare con la capacità di amare

Chiesa di Santa Sofia gremita mercoledì 13 novembre in occasione della celebrazione eucaristica dedicata al mondo degli universitari, in occasione dell’inizio dell’anno accademico, presieduta dal vescovo Claudio. Un momento molto partecipato da parte degli studenti, numerosi provenienti da fuori città e da altri paesi e molti ospiti dei collegi universitari presenti in città. Dal vescovo è arrivato un messaggio di vicinanza e incoraggiamento rispetto al prezioso periodo di vita in cui la persona si forma e sperimenta i propri spazi di libertà, con un pensiero particolare ai tanti studenti che arrivano da fuori per studiare a Padova: «siamo contenti di accogliervi, anche come Chiesa».

Il vescovo si è poi soffermato sulle “processioni” che “compongono” la messa, come occasione di interpretare il legame con Gesù e la forza che ne consegue dal vivere del suo amore, per stare nel mondo, ma anche per leggere quell’appropriarsi dello spazio della libertà e dell’autonomia proprio dell’età giovanile.

La messa ha ricordato mons. Cipolla si apre con la processione di ingresso dietro alla croce: è un camminare verso una meta e al seguito di Gesù, ed è «l’immagine di un popolo, di una Chiesa, di una comunità che cammina seguendo Gesù». Al centro ci sono la processione per la presentazione dei doni («in cui possiamo vedere qualsiasi situazione della nostra vita, da presentare al Signore»), e la processione della comunione in cui ciascuno «mette in moto la propria libertà, decide di andare a nutrirsi della libertà di Gesù, che gli ha permesso di amare con tutto se stesso». Al termine la processione di “uscita”, di ritorno nel mondo, di missione, che ci vede forti del nutrimento ricevuto.

Nella “missione” – ha sottolineato il vescovo – c’è uno spazio di libertà molto prezioso e delicato, e per i giovani è proprio il tempo dell’università che fa fare esperienza di libertà e di responsabilità, che è anche un riconoscimento del proprio essere . «Il camminare seguendo Gesù ci manda in questo spazio bellissimo dell’esperienza della libertà che è ricca, bella, maturante: questo è il vostro tempo» ha spronato il vescovo ricordando che «la libertà si deve sposare con la capacità di amare».

E infine un auspicio: «vorrei augurarvi – ha detto ai giovani universitari – all’inizio di questo anno, di fare una bella esperienza e di crescere insieme, per seguire Gesù nella libertà di saper amare anche quando questo è difficile».

 







L’articolo Il vescovo agli universitari: la libertà si deve sposare con la capacità di amare sembra essere il primo su Chiesa di Padova.

Popolarismo contro populismo. Sabato 16 novembre, convegno di Fisp, Ucid e Centro studi Sebastiano Schiavon con padre Occhetta di Civiltà Cattolica

A un secolo dalla nascita del Partito Popolare italiano, un convegno sul popolarismo come possibile risposta per arginare il dilagante populismo e di come il pensiero di don Luigi Sturzo e la figura di Sebastiano Schiavon possano essere centrali e attuali nello scenario presente. Il convegno si terrà sabato 16 novembre dalle 9.30 alle 13, all’interno della sala biblioteca “Centro Filippo Franceschi” in via del Seminario 5, a Padova.

Leggi il servizio della Difesa del popolo

 

L’articolo Popolarismo contro populismo. Sabato 16 novembre, convegno di Fisp, Ucid e Centro studi Sebastiano Schiavon con padre Occhetta di Civiltà Cattolica sembra essere il primo su Chiesa di Padova.

Monteortone. Dal 14 novembre “La cattedra degli adulti” per tutta l’Up

Dal 14 novembre iniziano gli incontri del giovedì “La cattedra degli adulti” per l’unità pastorale di Monteortone, Monterosso e Tramonte.

Leggi il servizio della Difesa del popolo

 

L’articolo Monteortone. Dal 14 novembre “La cattedra degli adulti” per tutta l’Up sembra essere il primo su Chiesa di Padova.

San Martino. Anche Ronchi dà il suo contributo

San Martino. La parrocchia della frazione è in festa per il patrono e offre una serata culturale tutta per gli operatori della sagra. Quanto raccolto sarà donato alla comunità vicina.

Leggi il servizio della Difesa del popolo

 

 

L’articolo San Martino. Anche Ronchi dà il suo contributo sembra essere il primo su Chiesa di Padova.

Montà. Festa del Ringraziamento, domenica 17 in piazza Don Borriero

Anche quest’anno in chiesa a San Bartolomeo apostolo a Montà si celebra la tradizionale Festa del Ringraziamento per i frutti della terra. Un rito antico che domenica 17 novembre vede arrivare per la benedizione in piazza Don Domenico Borriero (dietro la chiesa) gli agricoltori con i mezzi agricoli, gli allevatori con il bestiame e gli espositori di articoli per la coltivazione.

Leggi il servizio della Difesa del popolo

 

L’articolo Montà. Festa del Ringraziamento, domenica 17 in piazza Don Borriero sembra essere il primo su Chiesa di Padova.