Quaresima 2015 – Messe Domenicali

In queste settimane proponiamo di vivere meglio cinque cose:

  1. Impegno nel canto liturgico.
    Prendere in mano il libretto dei canti e cantare. Chi canta prega due volte.
  2. Atto penitenziale.
    Silenzio prolungato e sguardo rivolto al crocifisso.
  3. Offertorio: pane + vino + soldi = noi stessi.
    Offrire il denaro, pane e vino: tre segni dell’offerta personale di noi stessi al Signore. Ci impegniamo a raccogliere le offerte alzandoci e prendendo le ceste davanti al presbiterio e portando il pane e il vino.
  4. In piedi dopo l’Offertorio.
    All’invito “Pregate perché…” ci alziamo in piedi come le altre due volte nella Messa quando diciamo ‘Preghiamo’. L’assemblea, segno del Signore Risorto, prega in piedi.
  5. Rinuncia allo scambio di un gesto di pace e preghiera più consapevole dell’Agnello di Dio.
    Dare senso ad un rito facoltativo divenuto automatico e aiutarci a invocare e costruire la pace con gesti veri nella vita quotidiana.
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *