L’orchestra della gioia

Spunti per la terza settimana di Avvento

Dalla prima lettera di san Paolo apostolo ai Tessalonicési  (1Ts 5,16-24)
Fratelli, siate sempre lieti, pregate ininterrottamente, in ogni cosa rendete grazie: questa infatti è volontà di Dio in Cristo Gesù verso di voi.  Non spegnete lo Spirito, non disprezzate le profezie. Vagliate ogni cosa e tenete ciò che è buono. Astenetevi da ogni specie di male. Il Dio della pace vi santifichi interamente, e tutta la vostra persona, spirito, anima e corpo, si conservi irreprensibile per la venuta del Signore nostro Gesù Cristo. Degno di fede è colui che vi chiama: egli farà tutto questo!

La Terza Domenica di Avvento ci rivolge sempre un invito alla gioia, perché ormai la celebrazione del Natale è vicina.  A partire dalla II lettura possiamo comporre un insieme di suggerimenti diversi che insieme vanno a formare un’orchestra della gioia dove ogni singolo strumento fa la sua parte, ma solo nell’insieme si realizza la gioia del vangelo. L’esperienza della gioia è infatti  complessa perché legata a diversi fattori che devono amalgamarsi insieme in armonia. San Paolo ne enumera alcuni e li mette tutti in connessione a indicare uno stile. Ecco dunque: 1) la preghiera; 2) rendere grazie, la lode; 3) non spegnere lo Spirito; 4) non disprezzare le profezie; 5) vagliare ogni cosa e tenere ciò che è buono: il discernimento; 6) astenersi dal male; 7) essere irreprensibili. È proprio l’insieme e la relazione armonica di tutte queste pratiche che porta a una sinfonia della gioia. A noi dirigere l’orchestra.

Don Giulio Osto

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *